Il Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale

Venerdì 23 Aprile 2021

Lo Statuto di Intesa Sanpaolo prevede la possibilità di destinare, tramite il "Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale", una quota degli utili distribuibili alla beneficenza e al sostegno di progetti che hanno come riferimento la solidarietà, l'utilità sociale e il valore della persona. Tre le aree di intervento: area sociale, area religiosa, area della ricerca.


Le modalità di gestione e utilizzo del Fondo sono disciplinate da un Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione della Banca in modo trasparente e coerente con gli impegni indicati nel Codice Etico del Gruppo Intesa Sanpaolo. I principi di riferimento sono l'attenzione alla persona, i diritti umani, la solidarietà economica e sociale, lo sviluppo sostenibile, la conservazione dell'ambiente e la cultura.


Nella scelta dei settori e dei progetti di intervento viene prestata particolare attenzione ai valori di riferimento, al merito delle iniziative che vengono proposte e all'importanza dei bisogni sociali che intendono soddisfare.
Le attività devono essere svolte secondo modalità trasparenti e rendicontabili e attraverso procedure che evitino ogni possibile conflitto di interessi di ordine personale o aziendale.

 

Le richieste di liberalità possono essere presentate solo da enti senza finalità di lucro, regolarmente costituiti ai sensi di legge e che siano registrati almeno in un registro pubblico. Gli enti devono avere sede in Italia e devono essere dotati di procedure, anche contabili, che consentano un agevole accertamento della coerenza fra gli scopi enunciati e quelli concretamente perseguiti, oltre che agli enti che redigono bilanci certificati.

 

Le richieste si suddividono in:
1. Liberalità territoriali, per richieste di contributo sino a 5.000 euro;
2. Liberalità centrali, per richieste di contributo superiori a euro 5.000.

 

Le aree di intervento sono:

AREA SOCIALE

Il Fondo intende focalizzare l'attività sulle seguenti tematiche ritenute particolarmente rilevanti e urgenti:
• Supporto psicologico ai malati di Covid e ai soggetti maggiormente colpiti dalla pandemia;
• Formazione e inserimento lavorativo di soggetti fragili, con particolare attenzione per le nuove povertà;
• Supporto agli adolescenti e ai giovani in situazione di fragilità.

 

Il Fondo rimane aperto a interventi utili a supportare anche altri temi.

In particolare:
• povertà educativa;
• violenza intrafamiliare;
• povertà sanitaria e malattie;
• disabilità fisica e intellettiva;
• sport dilettantistico inclusivo, solo a livello di Liberalità territoriali (richieste fino a 5.000 euro);
• progetti sociali che si caratterizzano anche per i loro risvolti culturali.

 

AREA RELIGIOSA
Destinatari dei contributi del Fondo in questa area sono gli enti religiosi di qualsiasi credo o fede.
Gli interventi supportati riguardano principalmente progetti di beneficenza improntati su una visione solidaristica e di centralità della persona e nei quali prevale la natura sociale dell'intervento.

 

AREA RICERCA

L'intervento del Fondo intende porre l'attenzione su tutti quei progetti di ricerca medica che hanno come fine il miglioramento della vita degli individui, risolvendo gravi problematiche o rispondendo a bisogni emergenti.

L’Area Ricerca è sostenuta esclusivamente con Liberalità centrali (richieste superiori a 5.000 euro).

Solo per quest’Area, la data ultima per la presentazione delle richieste all’interno della piattaforma, è il 30 maggio dell’anno di riferimento. Le progettualità saranno sottoposte a valutazione da parte di soggetti esterni esperti nella materia trattata (referee).

 

Le richieste sono valutate a partire da gennaio e le erogazioni delle liberalità avvengono lungo il corso di tutto l'anno, esaurendo progressivamente il plafond disponibile.
Gli enti interessati sono invitati a presentare la domanda quanto prima possibile e preferibilmente entro e non oltre i primi giorni di settembre per consentire un adeguato tempo per le valutazioni e le eventuali istruttorie. Si rammenta che i progetti non saranno selezionati in ordine cronologico (eccetto i progetti di ricerca), ma sulla base del potenziale impatto sociale.

 

  • Per le richieste di contributi nell’area della ricerca la scadenza è 30 maggio 2021.
  • Per tutte le altre richieste di contributi, la scadenza suggerita è settembre 2021.

Tutte le informazioni qui>>